Marco Carta e gli Amici di Maria De Filippi: la parola a Platinette

Presenza costante nella fase serale di Amici di Maria De Filippi, in qualità di opinionista e con l’innata dote di mettere zizzagna tra professori e studenti.

Stiamo ovviamente parlando di Platinette che, proprio grazie alla sua partecipazione fissa al talent show di Canale 5, è di certo una delle voci che meglio conoscono gli allievi che hanno preso parte al programma… nei loro pregi così come nei loro difetti.

E giusto a tal proposito nella sua rubrica del settimanale DiPiù, La Tv Che Vedo, Plati è intervenuta a proposito dei cantanti delle passate edizioni, senza tralasciare i complimenti ma soprattutto le sue classiche frecciatine taglienti ma sempre provenienti da una base musicale e culturale davvero innegabile.

Marco Carta: ha aperto una fase di rinnovato e reale interesse verso i giovani cantanti. Ha un timbro molto personale, ma ci vogliono le canzoni, quelle che restano anche oltre l’interprete”.

Un bel 7 pieno, dunque, per il vincitore della settima edizione di Amici.

Ma il commento più inatteso, e che sicuramente non farà molto piacere alle innumerevoli scanine, è stato rivolto proprio a Valerio Scanu, definito da Platinette “il più acerbo”.

Se resterà, dipenderà, e tanto, dall’evoluzione della sua personalità, del suo repertorio”. In ogni caso all’ultimo vincitore del Festival di Sanremo è andato comunque un 7.

Chi invece se l’è cavata a pieni voti è la pupilla storica dell’opinionista, ovvero Alessandra Amoroso, promossa con un bel 10.

“E’ il vero asso dei giovani talenti usciti dai talent show. Ha un temperamento che comunica, una voce tanto vera da far provare brividi anche in questa calura estiva”.

Infine, l’unico 8 è andato alla vincitrice dell’ultima edizione, Emma Marrone, “piena di forza e grinta e, per continuare, deve usare questa sua caratteristica di essere reginetta del palco. Inoltre ha la voce giusta per servire canzoni acchiappa-ascolti.”

 

admin
  • Scrittore e Blogger
Suggerisci una modifica