The Beatles: satanici? Il Vaticano ci ripensa

the beatles

A quarant’anni di distanza dall’accusa di satanismo e dallo scioglimento, la storica band dei Beatles è recentemente stata ‘riabilitata’ dal Vaticano in nome della grande importanza che ha avuto (e continua ad avere) nel campo della musica mondiale, sia a livello artistico che storico.

Di tutta risposta, il batterista e cantante Ringo Starr non si è certo sentito in dovere di ringraziare, ma piuttosto con un sorrisetto ironico ha silenziosamente sbeffeggiato le stranezze della Chiesa affermando:

Eravamo satanici e adesso ci perdonano? Credo che la Santa Sede abbia altre cose di cui parlare!”

Ed in effetti l’artista non ha tutti i torti, soprattutto se pensiamo alla causa originaria di tale accusa, ovvero una dichiarazione rilasciata da John Lennon nel lontano 1966 riguardo alla fama della band, definendola “più popolare di Gesù Cristo”.

Certo negli anni ’60 un commento del genere destò uno scandalo impareggiabile, ma la cosa più strana è vedere che a distanza di quarant’anni c’è ancora qualcuno che medita sul dubbio di considerare (o meno) i Beatles una band satanica.

Non a caso, oggi, la giustificazione della Chiesa in merito alle parole del leader del gruppo è la seguente: “Solo una spacconata di un giovanotto della working class”.

E pensare che per capirlo ci sono voluti quarant’anni!