Sanremo 2013 Fabio Fazio: il Festival si farà!

Sanremo 2013 Fabio Fazio il Festival si farà

Il Festival di Sanremo 2013 si farà a febbraio o verrà posticipato a marzo? Ormai conosciamo i nomi dei 14 big in gara e i titoli delle loro canzoni, ma non conosciamo ancora quale sarà il destino della prossima edizione della kermesse canora.

Per adesso siamo solo in grado di dirvi che in questi giorni si susseguono le polemiche. In effetti se il Festival dovesse slittare a marzo sarebbe un evento unico. Per la prima volta nella sua lunga storia la kermesse infatti non andrebbe in onda a febbraio.

In caso di elezioni a febbraio la rete ammiraglia di mamma Rai dovrebbe proporre un palinsesto adeguato per fornire la giusta informazione ai telespettatori. In realtà ci sono anche dei timori. C’è chi ritiene che il conduttore Fabio Fazio e Luciana Littizzetto non saranno imparziali, c’è chi invece teme che possa trattarsi di un Festival che si basa sulla presenza dei comici di sinistra.

Insomma la politica italiana rischia seriamente di influenzare il destino della 63esima edizione del Festival di Sanremo. Fabio Fazio il 16 dicembre ha concesso un’intervista a Massimo Giletti durante la sua trasmissione Domenica In – L’arena. Il conduttore di Sanremo ha dichiarato: “Il festival si farà. E’ chiaro però che si tratta di una macchina grande, organizzata da tanto tempo: spostare tante persone, soprattutto quelli che lavorano al progetto da mesi, non è semplice”.

In effetti far slittare Sanremo comporterebbe una serie di problemi sia per i cantanti in gara, sia per gli ospiti che per le case discografiche. Per Fazio posticipare la kermesse “significherebbe perdere ospiti e un racconto della realtà. Si fa presto a dire spostare, a fare non so. Se si votasse a marzo tutto sarebbe risolto, ma è evidente che se si votasse il 17 febbraio, andare in onda fra 12 e 16 sulla prima rete di Stato, che si occuperebbe canzoni e non di politica, per certi versi sarebbe anche salutare, ma in prima istanza sarebbe un’anomalia abbastanza intollerabile”.

Lo stesso conduttore poi ha rivolto un pensiero a tutti coloro che temono che la 63esima edizione del Festival possa avere tra gli ospiti anche dei comici di sinistra: “In un’affermazione del genere ci sono due presunzioni: che abbiamo invitato dei comici e che siano di sinistra. Si tratta di una riflessione antica, non più contemporanea. La Rai di oggi non può e non ha paura di assomigliare a quello che c’é fuori, nel paese. La tv deve essere rispettosa della sensibilità di tutti, ma non si può pensare che non parli dell’attualità. Se si votasse sarebbe anche un’occasione fantastica avere le elezioni in quel periodo. L’ideale sarebbe che si andasse alle urne una settimana dopo, ma siccome la realtà è un’altra… Vedremo, non ci voglio neanche pensare”.

Sanremo 2013 Fabio Fazio il Festival si farà