Musica per il Giappone: Lady Gaga, Linkin Park, Black Eyed Peas e Slash

Come sicuramente ricorderete, qualche giorno fa vi avevamo parlato delle iniziative benefiche delle star in favore dei terremotati in Giappone, duramente colpiti dal sisma e dal conseguente tsunami.

Lady Gaga aveva messo in vendita dei braccialetti a 5 dollari e finora, in soli due giorni, ne ha ricavato la bellezza di 179mila dollari, circa 250mila euro.

Miss Germanotta, però, non è stata l’unica a muoversi in questo senso. A farle compagnia c’erano anche i Linkin Park, il cui cantante Mike Shinoda aveva disegnato delle magliette da vendere il cui ricavato sarebbe andato alle vittime del terremoto giapponese.

A questi si aggiungono anche i Black Eyed Peas, freschi di esibizione al Super Bowl 2011. La band di Fergie aveva girato l’ultimo video (quello di Just Can’t Get Enough) proprio in Giappone una settimana prima del terremoto. Quel video è dedicato proprio alle vittime e i Black Eyed Peas hanno invitato i fan ad effettuare donazioni allo scopo di finanziare i soccorsi.

Infine citiamo Slash. L’ex guitar hero dei Guns n’Roses ha dovuto annullare due delle tre date giapponesi. Slash doveva esibirsi il 14, 16 e 17 marzo ma ha deciso di esibirsi solamente il 14 a Osaka. Ha ringraziato i fan nipponici che sono ugualmente accorsi al concerto in massa e ha poi promesso che recupererà i due concerti mancati.