Michael Stipe (REM): un duetto per salvare Kurt Cobain





È da poco passato il 17esimo anniversario della morte del cantante dei Nirvana Kurt Cobain, ma qualcuno ha ancora qualcosa da dire. Per la precisione a parlare stavolta è Michael Stipe, frontman dei REM, che racconta un aneddoto di quel periodo.
Michaelò avrebbe cercato di convincere Kurt a registrare una canzone insieme. Addirittura gli avrebbe fatto recapitare a casa un biglietto aereo per raggiungerlo, con tanto di autista. Il tutto per tentare di portare Kurt a casa sua per registrare.

“Lo stavo facendo per tentare di salvargli la vita – ha detto Michael Stipe – La collaborazione era solo una scusa per stringere contatti con lui. Era davvero in una brutta situazione”.
Michael Stipe, insomma, stava tentando di risollevare il morale di Kurt e aveva costruito a questo scopo un progetto apposito, per cercare di “dare a Kurt uno spazio per liberare la mente”.
Ma Kurt Cobain non ha mai accettato quell’invito, non ha raggiungo Michael Stipe e non gli ha mai nemmeno risposto al telefono.
E quella canzone che Stipe aveva scritto appositamente per cantarla con Kurt? Non è mai stata inserita in nessun album. “Non è entrata a far parte di un album, ma della mitologia”.
Peccato non averla potuta ascoltare.