Michael Jackson: la famiglia perde una causa miliardaria

jackson

Eccoci alla sentenza. Sfortunatamente per loro, la famiglia del compianto Michael Jackson ha perso la causa miliardaria intentata tempo fa contro i promoter dell’ultimo tour del Re del Pop, quello delle troppe date all’Arena 02 di Londra. La sentenza è arrivata dopo cinque mesi di dibattito e tre giorni di camera di consiglio.

La tesi dei familiari di Michael Jackson era che la Aeg, società organizzatrice dei concerti che aveva assunto Conrad Murray come medico personale del cantante, si era in qualche modo resa corresponsabile dell’omicidio di Jacko. Insomma, se Murray è stato ritenuto responsabile, secondo i Jacksons lo erano anche quelli di Aeg che lo avevano scelto.

La sentenza purtroppo non è andata come prevedevano. La corte ha stabilito che Murray non era incompetente nello svolgere la sua professione e che le colpe di Aeg, dunque, non esistono. Se la sentenza fosse stata diversa, la Aeg avrebbe dovuto sborsare alla famiglia di Michael Jackson una somma miliardaria.

La richiesta, per la precisione, parlava di ben 85 milioni di dollari per ciascun figlio di Michael Jackson (sono 3), 35 milioni di dollari alla madre e 1,5 miliardi di dollari come risarcimento per le perdite economiche. Insomma, qualcosa che si aggira intorno ai due miliardi di dollari, che non sono sicuramente briciole.

Purtroppo i familiari di Michael Jackson, scomparso a giugno del 2009, dovranno accontentarsi degli spiccioli derivanti dai diritti delle canzoni del loro compianto parente. Ricordiamo che a questo processo, tra i testimoni, erano anche stati chiamati i figli di Michael, che avevano riportato le parole del padre, che avrebbe detto loro di avere paura che qualcuno lo volesse uccidere.

jackson