Keith Richards: le confessioni shock del chitarrista dei Rolling Stones

Keith_Richards

Si intitola Life l’autobiografia firmata da Keith Richards, chitarrista dei Rolling Stones, nella quale l’artista si lascia andare a confessioni a dir poco scioccanti.

Giusto per citarne una, che rende pienamente i toni e le argomentazioni affrontate dal chitarrista, sicuramente quella con più effetto è questa:

Ho sniffato le ceneri di mio padre. Ho aperto l’urna e un po’ del contenuto è finito sul tavolo: dovevo profanarle raccogliendole con la scopa e buttandole nel cestino della spazzatura?

Così me le son sniffate e penso che mio padre mi stia ancora benedicendo. Il resto l’ho sparso ai piedi di una quercia.”

Dopodichè Richards si lascia andare ai lontani ricordi della sua grande amicizia con John Lennon, con il quale ha condiviso un passato all’insegna della droga, e non solo.

Io e Lennon strafatti in giro per l’Inghilterra… Cosa abbiamo fatto esattamente in quei tre giorni nè io nè John siamo mai riusciti a ricordarcelo.

C’era una giovane ragazza con noi, e sicuramente uno chauffeur, perché né io né John eravamo in condizioni di guidare.”

Dunque Life più che un’autobiografia si propone come un racconto delle grandi nefandezze che hanno caratterizzato Keith Richard durante tutta la sua carriera nel mondo della musica.

Richard resta e sarà sempre un mito del rock, fatto stà che alcune vicende del suo passato restano del tutto opinabili.