Hendrix 70 Live In Woodstock: compleanno al cinema

jimi

Ieri era 27 novembre. Un giorno come tanti ma non per gli amanti della musica o meglio della storia della musica. Il 27 novembre del 1942 nasceva a Seattle Jimi Hendrix, colui che con la sua sei corde sarebbe stato destinato a scrivere pagine indelebili proprio di quella storia. Ebbene ieri, per festeggiare Jimi che avrebbe compiuto 70 anni, il mito e la leggenda hanno ripreso vita (in realtà non sono mai morte) nelle sale cinematografiche, sui grandi schermi dei cinema in occasione dell’evento Hendrix 70: Live At Woodstock.

A dire il vero ieri al cinema abbiamo potuto vedere il mito nel mito, ovvero la grandezza di uno dei più grandi chitarristi della storia durante la sua indimenticabile esibizione al concerto più bello del mondo. Il 19 agosto del 1969 Jimi Hendrix (vero nome James Marshall Hendrix…la madre gli diede sia il nome del padre che quello dell’amante) fece il suo ingresso sul palco di Woodstock, al termine di quella maratona di tre giorni fatta di pace, amore e tanta, tanta, troppa musica.

Il concerto di Jimi Hendrix al festival di Woodstock del 19 agosto 1969 è stato riportato nei cinema per il piacere dei fan vecchi e nuovi di questo grandissimo personaggio, anche lui entrato, purtroppo, nel Club dei 27, ovvero di coloro che trovarono la morte durante il 27esimo anno di età Curiosamente uno, tra il suo nome e il suo cognome, inizia con la lettera J, come Janis Joplin, Jim Morrison, il primo chitarrista dei Rolling Stones Brian Jones o il chitarrista dei Manic Street Preachers Richard James Edwards.

Ebbene quello di ieri, per chi ha vissuto quei momenti ma anche per chi li ha visti sinora solamente su YouTube, è stata una serata importante. Non capita tutti i giorni di poter vedere, sul grande schermo di un cinema, Jimi Hendrix che propone alla sterminata folla del Festival di Woodstock del 1969 la sua personalissima versione dell’inno americano, suonata con i denti. Sono momenti che la storia del rock non riuscirà mai a dimenticare. E speriamo che non ci riesca nessuno.