Emma Marrone Eurovision Song Contest 2014

Copenhagen, Emma Marrone durante l'Eurovision Song Contest 2014

Niente da fare. Emma Marrone non è riuscita a portare a casa il primo premio all’Eurovision Song Contest e anche quest’anno l’Italia rimane a bocca asciutta. La nostra rappresentante è arrivata solamente ventunesima nella classifica finale, mentre il primo premio è andato all’Austria e alla sua Conchita Wurst, drag queen con la barba, con la sua canzone Rise Like A Phoenix.

Eppure Emma aveva convinto, tanto che il suo ventunesimo posto davvero non ce lo aspettavamo. Addirittura era una delle favorite alla vittoria finale con la sua canzone La Mia Città e aveva fatto parlare di sé sia per la sua voce grintosa che per il look che aveva sfoggiato. Il suo miniabito bianco, particolarmente vistoso grazie agli inserti color oro, l’ha anche resa protagonista di un sexy siparietto. Ad un certo punto della sua esibizione, infatti, Emma Marrone si è inginocchiata e ha mostrato gli slip. Dorati anche quelli. Magari la cosa era voluta, visto che non si trattava di consueti slip quotidiani, ma più di una culotte.

Insomma: voce grintosa, canzone valida e sex appeal da far cadere a terra tutti i giudici dell’Eurovision. Eravamo sicuri che Emma ce l’avrebbe fatta, ma evidentemente tutto questo non è bastato per far vincere al nostro Paese l’Eurovision Song Contest 2014. Il primo premio va a Conchita Wurst e alla sua Rise Like A Phoenix. La prossima edizione della kermesse, come da regolamento, si svolgerà quindi in Austria.

Dispiace vedere Emma con quel piazzamento inglorioso e ci auguriamo che il prossimo anno il nostro Paese sia in grado di portare un rappresentante capace di sbaragliare la concorrenza. Forse, però, si dovrebbe cercare di azzardare di più nella scelta, esplorando anche altri ambienti che non siano quelli della classifica.

Copenhagen, Emma Marrone durante l'Eurovision Song Contest 2014