Chi sono gli Emo e cosa ascoltano?

emo

Oggi vogliamo proporvi un argomento molto diffuso e piuttosto controverso al giorno d’oggi, ovvero quella sorta di nuova generazione, o meglio sottocultura, di difficile definizione che prende il nome di Emo.

Chi sono gli Emo – storia

Nato come un fenomeno di origine prettamente musicale, soprattutto tra Stati Uniti ed Inghilterra, il termine emo inizialmente si è contraddistinto in quanto genere vicino all’hardcore punk e, per l’esattezza, originariamente si riferiva alla musica di Washington DC degli anni ’80 ed ai suoi derivati.

Col tempo, come accade per la maggior parte dei fenomeni culturali e generazionali, il termine ha iniziato ad ampliare il suo perimetro arrivando ad avere l’attuale significato di ‘emotional’, ovvero l’intento primario di determinate band di emozionare drasticamente il proprio pubblico.

Il termine ha quindi una connotazione prettamente musicale, che si rifà alle sonorità originarie degli Husker Du e, in particolare, all’album Zen Arcade del 1984, così come ai Naked Raygun con Throb Throb del 1985.

Col passare degli anni il termine ha iniziato ad essere influenzato da varie contaminazioni che, dal genere del punk rock, hanno condotto lo stile verso la più generale scena indie contemporanea.

Si è passato così dalle note dei Rites of Spring e degli Embrace, a quelle più ‘moderne’ e melodiche dei Sunny Dale Real Estate e dei Texas is the Reason.

La storia ci insegna che la maggior parte delle culture musicali, così come accade con molte influenze cinematografiche, in breve tempo riescono ad stimolare talmente tanto una generazione da diventare ben presto una vera e propria moda e stile.

Moda Emo e abbigliamento

Ed è proprio questo il caso dei cosiddetti ‘emo’, caratterizzati da un abbigliamento preciso, con tanto di trucco che si avvicina molto allo stile tra il gotico ed il dark.

Insomma, se dovessimo definire il termine emo, oggi come oggi, l’impresa sarebbe alquanto impossibile a causa delle sue mille sfaccettature.

Quel che è certo è che si tratta di emozioni, musica e stile di vita e, per fortuna, non solo fatto di psicofarmaci, suicidi o depressioni latenti.

2 Commenti