Che ne sarà dell’heavy metal dopo la morte di Ronnie James Dio?

Ad una settimana di distanza dalla tragica scomparsa di Ronnie James Dio, leader e simbolo dei Black Sabbath e dell’heavy metal, il mondo della musica ha deciso di celebrare ancora una volta la grande carriera e vita di uno dei maggiori rappresentanti della scena rock mondiale.

Deceduto a causa di un tumore allo stomaco il 16 maggio scorso, l’artista statunitense verrà così commemorato durante una cerimonia pubblica aperta a fan, colleghi, stampa e a chiunque volesse dare un ultimo saluto di stima e rispetto a questo grande cantante.

Con la morte di Ronnie James Dio se n’è andato uno dei più grandi simboli dell’heavy metal, lasciando un vuoto che lascia presagire un triste destino per i colleghi della band Heaven & Hell, reduci di una perdita che difficilmente verrà colmata.

Ma non è solo l’America a soffrire la mancanza di Ronnie James Dio. E proprio in memoria del suo grande ed intramontabile passato artistico, anche in ambito italiano sono avvenute celebrazioni ed omaggi all’ex lader dei Black Sabbath.

Durante il concerto udinese degli AC/DC infatti Le Vibrazioni e Pino Scotto hanno reso un commosso omaggio funebre dedicato all’artista statunitense e alle radici dell’heavy metal, commuovendo tutti i fan ed il pubblico presente.

1 Commento