Beyoncè: playback per l’inno americano

Beyoncè playback per l’inno americano

Beyoncè è stata impeccabile nell’interpretazione dell’inno americano in occasione della cerimonia di insediamento di Obama, ma la cantante si è esibita in playback. La notizia sta rimbalzando in rete proprio in questi minuti dopo essere stata diffusa dal Times di Londra.

Sembra che Beyoncè avesse registrato la versione di The Stars-Spangler Banner il giorno precedente la sua esibizione. Pensate, l’impeccabile perfomance dell’artista aveva emozionato il presidente Barack Obama e la moglie Michelle, ma anche le 800mila persone presenti lungo il National Mall di Washington. Per non parlare dei milioni di telespettatori che hanno seguito la cerimonia di insediamento da ogni angolo del mondo.

Fin da subito qualcuno ha sospettato che si potesse trattare di playback, ma c’è stata sempre molta prudenza nel diffondere questa notizia. La conferma però è arrivata direttamente dalla Sergente Capo, Kristin du Bois, portavoce della Marine Corps Band, ossia che la banda ha suonato per la cerimonia di insediamento.

Kristin Du Bois ha riferito: “Beyoncé era disponibile a cantare dal vivo, ma alla fine abbiamo avuto tutti l’indicazione da parte degli organizzatori a usare il playback”.  Beyoncè quindi si è esibita in playback per rispettare degli ordini imposti da altri.

Questa notizia forse potrà essere una delusione per molti, ma di sicuro non mette in discussione la capacità e la bravura di una cantante che con la sua voce ha conquistato il mondo. La notizia del playback ha suscitato diverse polemiche e i fan dell’artista si sono subito mobilitati in sua difesa.

Beyoncè playback per l’inno americano