Amy Winehouse: voleva adottare una bambina





Amy Winehouse desiderava diventare madre. “Avrebbe voluto essere mia mamma” è questa la dichiarazione che la piccola Dannika Augustine rilascia al Sunday Mirror. La bambina di 10 anni aveva incontrato la cantante a St. Lucia, nel corso dei suo soggiorni sull’isola negli ultimi due anni. Nelle ultime ore si susseguono le informazioni riguardo questa vicenda. Dalle prime indiscrezioni trapelate sembra che la Winehouse avesse già comprato un biglietto per andare a far visita alla bambina proprio nei prossimi giorni, mentre la nonna di Dannika sostiene che la cantante avesse già avviato le pratiche legali per procedere con l’adozione.

Dannika vive con la madre in una condizione di povertà e al tabloid domenicale ha rivelato: “Amy era già mia madre. Io la chiamavo mamma e lei mi considerava una figlia, si è presa cura di me e ci siamo divertite insieme. Io l’amavo e lei mi amava”. Ma la bambina commenta anche la prematura scomparsa della giovane cantante: “Era una persona incredibile e non vedevo l’ora di vivere con lei o qui a Londra. Non posso credere che se ne sia andata. Questa è la cosa peggiore che mi sia mai successa”.
Sembra che Amy e Dannika avessero un legame molto forte. A raccontarlo è la nonna della bambina che gestisce un bar sulla piaggia di St. Lucia: “Amy ha amato Dannika con tutto il cuore. Giocavano insieme tutto il giorno, passeggiavano su e giù per la spiaggia mano nella mano. Erano inseparabili”. Probabilmente la cantante per pensare di poter adottare la bambina si sentiva molto legata a lei.