Albano Carrisi Racconta Del Suo Tumore Alla Prostata

albano carrisi

Albano Carrisi ha di recente rivelato al settimanale Oggi nel corso di un’intervista di essersi sottoposto ad un’operazione per un tumore alla prostata.

Albano ha rivelato di essersi operato all’ospedale San Raffaele di Milano e al settimanale Oggi racconta come ha scoperto la malattia: “L’ho scoperto a dicembre dello scorso anno. Sono venuto a ritirare il referto, e mi sono sentito dire: ‘Hai un tumore’. Tumore. Suona male, no?”.

Albano ha scoperto di avere un tumore due mesi prima del Festival di Sanremo, dove ha partecipato con il brano Amanda è libera. Quindi il cantante ha dichiarato quanto sia importante per lui il Festival e quanto volesse partecipare a questa edizione: “Ho chiesto e ottenuto di fare Sanremo. Non volevo rinunciarci. Sarò matto, ma a me piace da matti. Mi dà una carica, un’energia”.

Proprio attraverso il settimanale Oggi, Albano ricorda a tutti i suoi fans quanto in questi casi sia importante la prevenzione: “Nessuno deve sottovalutare la prevenzione. Anche se, nel mio caso, forse lo stress può avere avuto un’influenza. Dal 1993 a oggi ho progressivamente incasinato la mia vita, ho avuto stress violenti. Alla lunga, il corpo ti manda segnali”.

Albano Carrisi però racconta anche come ha affrontato la sua battaglia contro il tumore: “Mi sono detto: è arrivato il mio turno. Poi però ho pensato che dovevo caricarmi di positività, altrimenti mi sarei fatto del male ulteriore. Le cose devi affrontarle con decisionismo, e se non puoi farlo con buonumore, fai almeno che sia un umore buono. E così ho affrontato la via crucis che tanti altri prima di me hanno fatto”.

Albano prima di essere un famoso cantante è anche un uomo con dei figli, ai quali ha dovuto rivelare la sua malattia. Sono stati proprio i figli, come racconta Albano, a comunicare della malattia a Loredana Lecciso: “A Loredana Lecciso l’hanno detto i figli. Romina? Non so se sia stata informata. Purtroppo non c’è più un canale diretto di comunicazione. Parliamo soprattutto attraverso gli avvocati”.