Adele 21: la cantautrice si racconta



Adele è, da diverse settimane, al comando delle classifiche mondiali con il suo disco 21. Cosa potrebbe temere? Niente ovviamente. La sua musica piace, l’artista è seguita da milioni di fan, la vendita del suo disco procede a gonfie vele. Potrebbe esistere qualcosa in grado di creare qualche problema? La nostra risposta ovviamente si dirige verso un no secco. Ma ci stiamo sbagliando ed ora vi spiego il perché.

Di recente Adele ha dichiarato, nel corso di un’intervista concessa a Q, di essere spaventata dal pubblico dei concerti all’aperto. Adele ritiene che la sua musica non sia adatta a tutti quegli eventi che prendono vita in luoghi aperti. La cantautrice britannica  ritiene che la sua musica sia troppo lenta per potersi adeguare a questi posti. Ma le sue dichiarazioni al riguardo non finiscono qui. Adele, infatti, ha aggiunto di essere certa di non voler vedere il suo nome legato ad eventi del genere e, aprite bene gli occhi, neanche per scopi promozionali. Beh, nonostante la sua giovanissima età la cantautrice britannica sembra essere molto sicura di ciò che vuole.

Viene subito da pensare che ogni persona ha il diritto di scegliere che tipo di artista vuole essere e la cantante ha dichiarato di non voler essere contaminata. Già che c’era  Adele ha rivelato, sempre nel corso dell’intervista concessa a Q, alcuni particolari che riguardano il suo primo disco il cui titolo era 19. Adele ha reso noto di non aver mail voluto inserire alcune bonus track presenti nell’album del suo debutto, ma che queste sono state ugualmente inserite solo per scopi promozionali con l’obiettivo di vendere.