78° Anniversario della nascita di Robert Bob Moog, il papà dell’elettronica





Gli appassionati di musica elettronica dovrebbero riservare un pensiero a Arthur Robert Moog, per tutti “Bob Moog“, fondatore della Moog Music e inventore del “sintetizzatore Moog”. Il motivo? Domani Moog avrebbe compiuto 78 anni. Nato a New York il 23 maggio del 1934, Robert Moog è infatti scomparso ad Asheville, nella Carolina del Nordo, nell’agosto del 2005.

Cosa ci lascia in eredità?

Per chi non lo sapesse, l’azienda Moog Music è la seconda al mondo per la produzione di strumenti musicali elettronici (la prima…indovinate qual è?). Inizialmente ebbe sede a Trumansburg, in New York, e fu fondata nel 1953 con il nome di RA Moog Co; oggi si trova ad Asheville, città dove riposa il suo fondatore Robert Moog.

Tra i prodotti degni di nota ci sono da segnalare il sintetizzatore Minimoog, prodotto tra il 1970 e il 1981, il Moog Sonic 6, il Micromoog, il Polymoog, il Moog Taurus 1, il Multimoog, il Concertmate Moog MG-1, il Memorymoog, il Minimoog Voyager, il Moog Taurus 3 e la mitica chitarra Moog, prodotta ancora oggi e subito diventata leggenda grazie al fatto che ha avuto un grande successo di vendite e ha ricevuto diversi riconoscimenti dalla critica (tra i quali il Reader’s Choice Award di Guitar Player Magazine, 2009).

Il sintetizzatore

Il sintetizzatore di casa Moog è tra i più utilizzati degli strumenti musicali elettronici. Pensate che questo strumento ha avuto una storia travagliata, “passando di proprietà” (è proprio il caso di dirlo, viste le numerose chiusure e riaperture aziendali) più volte, ed essendo stato tre volte rimodulato (nel 1964, nel 1966 e nel 1971) per il deposito del brevetto. Artisti come Clara Rockmore, Rick Wakeman, John Cage e Keith Emerson hanno stretto sodalizi importanti con l’azienda Moog. Date una occhiata qui per sfogliare il catalogo online dei sintetizzatori e strumenti Moog: “connettono la vostra creatività e immaginazione – si legge sul sito ufficiale – con suoni che non sarebbero possibile fare in nessun altro modo”. Una “nuova dimensione” portata avanti da oltre mezzo secolo e giustamente apprezzata dal pubblico (non solo di musicisti) di tutto il mondo.

(di seguito una immagine, presa da Wikipedia, dei sintetizzatori Moog modello 2007).